Seconda vittoria in cinque giorni contro le formazioni siciliane per la squadra di Luca Chiappini, che sale a quota 10 punti in classifica.

Un, due, tre. L’ANTHEA Vicenza si sblocca in casa e conquista la prima vittoria interna grazie al 3-1 contro la Rizzotti Design Pallavolo Sicilia Catania, che vale il secondo successo consecutivo nell’arco di cinque giorni contro le formazioni siciliane (dopo il 3-1 di mercoledì a Modica) e al contempo il terzo sigillo stagionale, contemplando il precedente 3-1 a Milano contro il Club Italia Crai.

Dopo aver perso il primo set 21-25 (con Catania trascinata dall’argentina Bulaich), le biancorosse hanno saputo reagire, salendo in cattedra nei restanti tre parziali grazie a un’ottima organizzazione di gioco, con una pallavolo corale che ha visto tutte le interpreti in grande spolvero. Orchestrata da Eze in cabina di regia, Vicenza (in doppia cifra con tutte le attaccanti) ha dominato la scena, vincendo agevolmente tutti i restanti parziali e conquistando con merito i tre punti in palio. Con il bottino pieno conquistato nell’importante scontro salvezza, la squadra di Luca Chiappini sale a quota 10 in classifica, a -1 da Soverato che domenica arriverà al palazzetto dello sport di Vicenza per quello che sarà l’ultimo impegno biancorosso nel girone d’andata prima del turno di riposo nell’ultima giornata.

LA PARTITA

L’ANTHEA Vicenza Volley scende in campo con Eze in palleggio, Errichiello opposta, Pavicic e Rossini in banda, Piacentini e Cheli al centro e Norgini libero. Il primo set è equilibrato, con continui break e controbreak che portano all’assoluta parità a metà set (12-12). La squadra di Luca Chiappini, però, trova un allungo importante con Errichiello e Cheli, impreziosito dall’ace di Piacentini (15-12). Catania, però, non tira i remi in barca, anzi ribalta la situazione con tre attacchi dell’argentina Bulaich, che insieme al muro di Bertone valgono il 16-15. Time out biancorosso, ma la sudamericana va nuovamente a segno. Dentro Nardelli per Rossini, ma la banda trentina – dopo un muro ospite – colpisce l’asta per il 15-19 avversario. Nuova sosta chiesta da Chiappini, la battuta vincente di Alessia Conti chiusa da Bertone sancisce il +5 Rizzotti (15-20). Nel finale, Martina Bordignon è protagonista in attacco (18-23), l’Anthea si aggrappa a Pavicic per rimontare (21-23, time out Chiappafreddo), ma non basta: 21-25, sancito da un’invasione aerea.

Dopo il cambio di campo, Vicenza si aggrappa soprattutto a capitan Cheli per reagire subito (6-2). Catania concede due errori in attacco e il gap è di cinque punti (10-5, time out Chiappafreddo). Catania recupera parzialmente terreno (13-10). Errichiello e Rossini rilanciano l’Anthea, che poi vola sul 17-11 con un contrasto sottorete vinto da Eze. Due errori biancorossi rimettono tutto in discussione (17-14, time out Chiappini), ma Rossini rilancia per il nuovo vantaggio (20-15, time out Chiappafreddo), poi sale in cattedra Pavicic al servizio, chiudendo il discorso: 25-15 sancito da Piacentini.

Nel terzo set, Vicenza scava subito il primo solco con Errichiello e Cheli (muro ed ace del 4-1), poi Rossini chiude in pipe dopo una bella difesa di Norgini (6-3). L’opposta parmigiana si esalta anche a muro per il +4 (time out Rizzotti), ma la sosta non rallenta il motore veneto (9-3 con Pavicic). Ancora Errichiello a muro fa viaggiare forte l’Anthea (13-5), con l’orchestra biancorossa che si esprime con coralità (15-5, time out Chiappafreddo). Cheli detta legge sotto rete (muro e fast per il 19-9), l’ace di Alessia Conti è un lampo siculo (21-12, time out Chiappini), poi chiude Pavicic in pipe: 25-16 e 2-1).

Nel quarto set, l’Anthea riparte a tutto braccio in attacco, colpendo con Piacentini e Pavicic (4-1), poi viene aiutata da due attacchi out della Rizzotti. Chiappafreddo prova a tamponare l’emorragia, ma la voglia di vincere di Vicenza è tantissima, testimoniata dalla grinta di Errichiello e Piacentini, protagoniste per il 10-3. Rossini firma l’ace del 14-6, poi Pavicic si esalta da posto quattro per il 18-9. Alessia Conti trova l’ace del -6 (time out Chiappini sul 18-12), ma Vicenza tiene sempre un buon margine (sosta-Catania sul 21-13), volando verso il 25-17 a firma di Pavicic che vale il 3-1.

LE DICHIARAZIONI POST-GARA:

Luca Chiappini (tecnico ANTHEA Vicenza Volley): “Abbiamo centrato una bella vittoria. Dopo il primo set, dove Catania ha potuto contare su un’ottima Bulaich, siamo riusciti a limitarla e nel complesso sono molto contento perché finalmente si è vista la nostra organizzazione di gioco. Eze ha gestito bene tutte le attaccanti, variando il ritmo e il gioco in base al muro-difesa avversario e mostrando grande esperienza nonostante i suoi 18 anni. Siamo andati in doppia cifra con tutte le attaccanti e nel complesso sono davvero contento di tutte le ragazze: fare un nome vorrebbe dire non dare il giusto merito ad altre, tutte sono state molto brave. Ora ci aspetta Soverato, una squadra a cui dovremo prestare molta attenzione e che è ottimamente allenata”

ANTHEA VICENZA VOLLEY-RIZZOTTI DESIGN PALLAVOLO SICILIA CATANIA 3-1
(21-25, 25-15, 25-16, 25-17)

ANTHEA VICENZA VOLLEY: Pavicic 19, Piacentini 11, Errichiello 16, Rossini 15, Cheli 12, Eze 5, Norgini (L), Nardelli. N.e.: Furlan (L), Lodi, Pegoraro, Fiore, Caimi. All.: Chiappini L.
RIZZOTTI DESIGN PALLAVOLO SICILIA CATANIA: Bordignon 7, Catania 5, Conti A. 7, Bulaich 15, Bertone 16, Bridi, Bonaccorso (L), Conti M., Picchi, Oggioni. All.: Chiappafreddo
ARBITRI: Mesiano e Pasquali

NOTE: Durata set: 24’, 20’, 23’, 23’ per un totale di 1 ora 30 minuti di gioco

Anthea Vicenza: battute sbagliate 5, ace 6, ricezione positiva 48% (perfetta 28%), attacco 43%, muri 9, errori 23
Rizzotti Design Pallavolo Sicilia Catania: battute sbagliate 3, ace 5, ricezione positiva 43% (perfetta 27%), attacco 26%, muri 9, errori 18